home

mi presento

hanno detto

i murales

news

contatti

link




Nelle prime opere prediligevo le figure.
Il colore  era pastoso e usato a spatola con grandi macchie di colore
fino al 200 
fino al 2000
Dipingere il paesaggio
Gli ambienti rappresentati sono quelli  naturali, non resi in maniera fotografica, ma rielaborati alla luce dei ricordi. Il protagonista è ancora una volta il colore, che viene piegato ad un uso antinaturalistico per rispondere alle esigenze  del ricordo più che a quelle dell'occhio


dopo il 2000
dopo il 2000
dipingere l'architettura
Le linee precise ed articolate degli edifici sono arricchite e quasi trasfigurate dal colore.
Il sapiente intreccio delle forme svela l'occhio osservatore ed attento dell'architetto, ma gli accostamenti cromatici, la cura per l'armonia, le corrispondenze con i colori dello sfondo sono dovuti all'occhio dell'artista.

opere recenti 
le opere recenti



I soggetti  guardano sempre  all’architettura, e in particolare alla città, con un occhio del tutto singolare. In questi ultimi lavori ritroviamo tutti gli ingredienti che costituiscono un linguaggio personale: una visione della città che capovolge il cliché di distesa grigia e disordinata di cemento, ma che si sofferma invece sulle trame geometriche disegnate  dagli edifici di diversi stili ed epoche e ne offre una visione dinamica, di organismo in perenne mutazione.


allotropi allotropi
La serie "Allotropi" allude alla possibilità di intervenire sulla composizione definitiva, decisa dall'artista, spostando le tele, al fine di ottenere un’immagine personalizzata, pur sempre a partire dai “moduli” di partenza. Un allotropo è, in natura, una sostanza che può esistere sotto diverse forme, ma che è composta essenzialmente dallo stesso elemento chimico. Come il carbonio è l’elemento base del diamante o della grafite, anche qui la sostanza base è la pittura, che, combinata diversamente, mostra il suo polimorfismo.

 astratto
verso l'astratto
Nell'evoluzione pittorica  dalla rappresentazione di paesaggi o architetture in cui le linee di forza e i principali elementi compositivi sono sottolineati dal colore, si passa a una semplificazione estrema delle forme, che porta progressivamente all'astrazione geometrica. Tuttavia, l'uso di superfici piatte di colore uniforme, talvolta percorse da sfumature delicate già visibili in alcuni lavori precedenti, costituisce un elemento costante tra la produzione precedente e queste nuove prove.